Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

La scoperta della Toscana: da Montesquieu a Berenson

Data:

03/09/2015


La scoperta della Toscana: da Montesquieu a Berenson

Conferenza del Prof. Luigi Mascilli Migliorini

Alla metà del XVIII secolo i viaggiatori che arrivavano in Italia, incantati dal mito del mondo antico correvano verso Roma, verso Napoli e dedicavano solo uno sguardo distratto a Firenze. In due secoli tutto cambia. Una passeggiata attraverso questi due secoli, tra testimonianze di scrittori, memorie, mutamenti del gusto estetico (come accade nella polemica sulla ricostruzione di Ponte Vecchio dopo la seconda guerra mondiale) può aiutarci a capire come un luogo rimasto –scrive Montesquieu- “in un angolo del mondo” sia diventato poco alla volta quello che oggi conosciamo: l’immagine per eccellenza dell’Italia, per l’arte, il paesaggio, il gusto, la gastronomia: l’Italia dell’Italia, insomma, come scriveva un viaggiatore inglese alla fine dell’Ottocento.

Per informazioni rivolgersi a Istituto Italiano di CulturaTel. 03-3264-6011 (int.13, 29) eventi.iictokyo@esteri.it

Per prenotare, inviare una mail con nome, cognome, n. di partecipanti e recapito telefonico all'indirizzo: eventi.iictokyo@esteri.it indicando in oggetto “Conferenza del 3 settembre”

Luigi Mascilli MiglioriniMembro dell’Accademia dei Lincei, Commandeur de l’Ordre des Palmes Académiques della Repubblica francese, LMM è uno dei maggiori studiosi dell’età napoleonica e della Restaurazione in Europa. Ad esse ha dedicato due importanti biografie: Napoleone, premio della Fondation Napoléon nel 2002, di cui è uscita nel 2015 una nuova edizione ampliata, e Metternich, pubblicato nel 2014 e che ha ottenuto nel 2015 il Premio “Filippo Burzio” dell’Accademia delle Scienze di Torino. Entrambi i lavori sono anche tradotti in francese. Ha vissuto per molti anni a Firenze, dove si è laureato e poi ha lavorato come ricercatore presso l’Istituto Universitario Europeo. Ritornato a Napoli, sua città natale, insegna ora Storia Moderna presso l’Università “L’Orientale”. Agli anni toscani ha dedicato un piccolo volume, L’Italia dell’Italia, anch’esso tradotto di recente in lingua francese e un ampio lavoro sull’Illuminismo toscano apparso come XIII volume della grande Storia d’Italia diretta da Giuseppe Galasso per la UTET.

 

Informazioni

Data: Gio 3 Set 2015


702