Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Quando il linguaggio si fa musica

Data:

18/11/2015


Quando il linguaggio si fa musica

Percorsi musicali dagli albori della lingua italiana

Conferenza di Luciana Galliano

Dopo l’anno Mille la lingua italiana si affermò progressivamente sul latino per ragioni di vita civile ma anche grazie ad una ricca produzione poetica, su cui fiorisce per quasi tre secoli il madrigale e si intrecciano le diverse anime musicali del Rinascimento italiano. Il progressivo emergere di una voce e una melodia si unì allo stile del ‘recitar cantando’ e da qui nacque l’opera. La supremazia della cultura musicale italiana in Europa e l’uso dell’italiano come lingua musicale per eccellenza (anche nelle indicazioni sulle partiture) durò sino al XVIII secolo. Quando l’epicentro culturale si sposta verso il centro Europa, la produzione musicale in Italia si fa sostanzialmente operistica, per recuperare creatività e prestigio prepotentemente nel XX secolo. Questo percorso sarà illustrato dalla prof.ssa Galliano con esempi musicali dal vivo, eseguiti dal soprano lirico Yumi Nara insieme al Quartetto Henmi.

Claudio Monteverdi, Vaga su spina ascosa, 18 dal VII libro di Madrigali (1619)*Alessandro Scarlatti, O cessate di piagarmi dall’opera Pompeo (1683)*Antonio Vivaldi, Un certo non so chedall’opera Arsilda, regina di Ponto (1719)*Luca Lombardi, La canzone di Greta dall’opera Faust, un travestimento (1987)

*Trascrizioni per quartetto di Stefano Pierini

Per informazioni rivolgersi a Istituto Italiano di CulturaTel. 03-3264-6011 (int.13, 29) eventi.iictokyo@esteri.it    Per prenotare, inviare una mail con nome, cognome, n. di partecipanti e recapito telefonico all'indirizzo: eventi.iictokyo@esteri.it indicando in oggetto “Conferenza concerto del 18 novembre”

Luciana GallianoMusicologa e studiosa di estetica musicale, Luciana Galliano unisce una competenza in musica contemporanea con una profonda conoscenza della musica giapponese. Dopo aver conseguito il dottorato presso l'Università delle Arti di Tokyo, ha collaborato con Luciano Berio alle ricerche per le sue Charles Eliot Norton Lectures alla Harvard University (1993-1994). Ha insegnato per decenni presso l'Università Ca' Foscari Venezia. Tra i suoi libri in inglese Yōgaku: A History of Japanese Music in the 20th Century (Scarecrow Press, 2002); Power, Beauty and Meaning: Eight Studies on Chinese Music (editor; Leo S. Olschki Editore, Firenze, 2005) e The Music of Jōji Yuasa (Cambridge Scholars Publishing, 2012; attualmente in fase di traduzione in giapponese). Inoltre, è autrice di testi accademici in italiano e di una serie di saggi su riviste musicologiche in tutto il mondo.

Informazioni

Data: Mer 18 Nov 2015


741