Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

10 Corti in giro per il Mondo

Data:

10/07/2020


10 Corti in giro per il Mondo

L’Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con il Centro Nazionale del Cortometraggio, presenta dieci cortometraggi italiani selezionati tra i lavori più particolari e rappresentativi realizzati nel 2019, offrendo così una ricca panoramica sulla produzione breve contemporanea.

Tutti i cortometraggi sono in italiano con sottotitoli in inglese.

 

   Da venerdì 10 a giovedì 16 luglio

Il fagotto
, di Giulia Giapponesi (2019, 15’)
il fagotto 350
In un’Italia distopica e chiusa agli stranieri, che nell’architettura e nelle atmosfere ricorda sinistramente il ventennio fascista e in cui la denatalità è un grave problema, il Governo mette in atto politiche di pressione sulle donne, chiamate ogni anno in un ufficio statale a spiegare il motivo della loro mancata maternità. Bianca ha diciotto anni e suona il fagotto, Vittoria ne ha quarantasette e ha solo un anno per fare un figlio, altrimenti verrà espulsa dal paese. Il loro incontro le obbliga a decidere in un istante la direzione del loro futuro: qualunque scelta cambierà il destino delle loro vite.

 Quando la banda passò, di Maurizio Forcella (2019, 15’)
banda 350

Un tempo la banda del paese, musicisti dilettanti che sacrificavano alle prove il loro tempo libero, era un’istituzione importante di ogni comunità di provincia ed accompagnava tutte le ricorrenze civili e religiose. Questa banda, sgangherata come e più di altre, per sopravvivere alle manie di grandezza e di rinnovamento del sindaco e a gravi problemi finanziari partecipa ad un concorso a premi ma proprio il solista, l’unico musicista di professione, arrivato addirittura dall’America, fa cilecca... Il concerto improvvisato nella camerata di un istituto religioso, dove i musicisti passano la notte per risparmiare sull’albergo, sarà un bellissimo ma inutile canto del cigno.

I termini per la visione sono scaduti.

 


   
Da venerdì 17 a giovedì 23 luglio

Senza tenere premuto, di Paolo Strippoli (2019, 13’)
senza 350
Chiara Mancuso ha ventitré anni e ama raccontare le sue giornate su Instagram. Ma quando una notte perde lo smartphone e qualcuno glielo ruba e inizia a filmarla condividendo i video a sua insaputa, la serata precipita in un vortice di pericolo e disperazione, story dopo story. Il corto è girato interamente attraverso le Stories di Instagram, in un’ulteriore evoluzione del genere found footage.

 

Veronica non sa fumare, di Chiara Marotta (2019, 20’)
veronica 350

Veronica, diciassette anni, ha spiato a lungo la vita di Alessia, una coetanea sempre allegra e mai in imbarazzo che lei, timida e introversa, sogna di diventare. La avvicina finalmente con la scusa di una sigaretta, immergendosi totalmente nel mondo della nuova amica. Il corto parla della volontà di perseguire le proprie scelte, ma anche della presa di coscienza che ogni scelta potrebbe voler dire rinunciare a una parte di sé.

I termini per la visione sono scaduti.

 

    Da venerdì 24 a giovedì 30 luglio

Borntwice, di Giada Bossi (2019, 8’)

borntwice 350
Il protagonista del corto è Joshua, fratello della regista. Un grave incidente in bicicletta “mette in pausa” la vita di Joshua, lasciandolo in coma. Il corto segue una serie di flash simili a un sogno, in cui si mescolano filmati della sua infanzia e video realizzati per YouTube da Joshua stesso mentre gioca a Minecraft. La leggerezza con cui parla di morte e resurrezione nel videogioco si contrappone alla realtà dell’incidente. Per fortuna c’è un lieto fine anche per il Joshua reale.

ll muro bianco, di Andrea Brusa e Marco Scotuzzi (2019, 13’)
il muro bianco 350
Le pareti della classe sono piene di amianto, è pericoloso anche solo fissare con le puntine i disegni dei bambini, che essendo contaminati vanno eliminati. Gli alunni devono evitare di toccare le pareti e non possono giocare per paura di urtarle. Anche la lavagna viene staccata dal muro e portata via! Come spiegare le nuove regole da osservare mentre le autorità pensano ai provvedimenti da prendere? Il film è basato su una storia vera.

I termini per la visione sono scaduti.

   Da venerdì 31 luglio a giovedì 6 agosto

Amateur, di Simone Bozzelli (2019, 15’)
amateur 350
In un caldo pomeriggio, Serena aiuta Christopher a studiare tedesco. Lui, annoiato, preferisce riprenderla con il suo cellulare. Lei non vuole ma a lui piace: Serena lo fa ridere, soprattutto quando fa il maialino. E quando Christopher ride lei è felice. Attraverso il gioco, i due si avvicinano e scoprono un’intimità inaspettata. Il titolo del corto gioca con il doppio significato di “video amatoriale” e “amore da dilettanti”, come può essere quello impacciato tra due adolescenti.

Lella, di Michele Capuano, (2019, 15’)
lella 350
La storia è la ‘trascrizione’ in video di una canzone del 1970 che racconta la breve ma intensa avventura di due amanti. Lella era ricca, bellissima e apparentemente irraggiungibile per lui che, al momento di vederla allontanarsi, piuttosto che rinunciare a lei la uccide in nome del loro amore e raccontando il suo gesto non ha ritegno di chiedere silenzio e comprensione all’amico con cui si confessa. E con lui al pubblico.

I termini per la visione sono scaduti.

 

   Da venerdì 7 a giovedì 13 agosto

Manica a vento, di Emilia Mazzacurati, 2019, 19’
frame manica 2

In una cittadina sul mare sono arrivate le giostre, una bambina va in giro distratta mangiando un gelato, sembra invisibile e nessuno la nota. Anni dopo è la ragazza che vive nella stanza d’albergo sul mare dove è cresciuta da sola, fra le foto della sua famiglia e quelle che scatta ogni giorno ad una manica a vento appesa davanti alla sua finestra. Il giorno del suo compleanno rivede per qualche ora il padre, che le offre lo stesso gelato di allora. È un caso che il gelato ricordi nella forma e nel colore la manica a vento?

A colloquio con Rossella, di Andrea Andolina (2019, 11’)
a colloquio con rossella 350
Tratto da un racconto di Gaia Tomassini. È la storia di una donna anziana che lo spettatore impara a conoscere attraverso i messaggi lasciati nella sua segreteria telefonica da parenti e amici. Il corto è girato in soggettiva, mentre lo scorrere del tempo è scandito dai messaggi in segreteria e dai piccoli cambiamenti nella casa di Rossella.


Per ricevere link e password via mail cliccare QUI.

Informazioni

Data: Da Ven 10 Lug 2020 a Gio 13 Ago 2020

Organizzato da : Istituto Italiano di Cultura di Tokyo

In collaborazione con : Centro Nazionale del Cortometraggio

Ingresso : Libero


1318