Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Concerti di Tokyo Kudan Minami n⁰ 7 – Recital di Andrea Bacchetti (piano) e Kei Shirai (violino)

Bacchetti Kei

La stagione 2023 dell’Istituto, sotto la direzione artistica del Maestro Gaetano D’Espinosa, prosegue con un recital di pianoforte e violino di Andrea Bacchetti e Kei Shirai.

Programma

Johann Sebastian Bach (1685 – 1750), dal Clavicembalo ben temperato II:

Preludio e fuga n. 9 in mi maggiore, BWV 878

Preludio e fuga n. 20 in la minore, BWV 889

Domenico Cimarosa (1749 – 1801), Sonata in do minore N. 27

Domenico Scarlatti (1685 – 1757), Sonata in do minore K. 174

Sonata in la maggiore K. 208

Sonata in la maggiore K. 322

Gaetano D’Espinosa (1978 -), Sonata per violino solo

Pausa

Franz Schubert (1797 – 1828), Impromptu op. 142 n. 2

Maurice Ravel (1875 – 1937), Sonata N. 2 in sol maggiore per violino e pianoforte

Niccolò Paganini (1782 – 1840), I palpiti, op. 13 per violino e pianoforte

 

Sarà possibile entrare a concerto iniziato solo fra un brano e l’altro e comunque non oltre le ore 19:00.

Mauro Bacchetti – Pianoforte

Kei Shirai – Violino

Per prenotare, cliccare QUI.

Per informazioni scrivere a eventi.iictokyo@esteri.it

 

Andrea Bacchetti debutta a 11 anni a Milano con i Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone e inizia una rapida carriera di solista che lo porta a suonare nei principali festival (Lucerna, Salisburgo, Tolosa, Varsavia, Sapporo, Santander, Ravenna, ecc.) e in sale prestigiose come il Berlin Konzerthaus, l’Auditorio Nacional di Madrid, il Tokyo Bunka Kaikan, la Filarmonica di Stato di Mosca, la Salle Pleyel di Parigi, il Leipzig Gewandthaus. Molto attivo anche in concerti per pianoforte e orchestra, ha suonato sotto la direzione, tra gli altri, di Fabio Luisi, Claus Peter Flor, Rudolf Baumgartner, Krzysztof Urbansky, Antonello Manacorda, Myung-whun Chung, Yuzo Toyama, Lü Jia, Aldo Ceccato, Mario Venzago, Gustavo Gimeno, Giampaolo Bisanti, Emmanuel Tjeknavorian. Per la musica da camera ha collaborato con il Prazak Quartet, il Quattuor Ysaye, il Sestetto Stradivari, il Quartetto di Cremona e con i maestri Rocco Filippini, Uto Ughi, Maxence Larrieu. Tra i suoi molti dischi sono stati particolarmente apprezzati dalla critica Sei sonate di Cherubini, Digital Music 2007; The Scarlatti restored manuscript, RCA 2013; Benedetto Marcello – Piano sonatas, RCA 2014. Considerato uno dei maggiori interpreti di J.S. Bach, al compositore tedesco Bacchetti ha dedicato numerose incisioni, tra cui Two-part inventions and symphonias and other keyboard works, Dynamic 2009; The toccatas, Dynamic 2010; Goldberg variations, Dynamic 2011; The French suites, Sony 2012; The Italian Bach, Sony 2013; Keyboard concertos con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Sony 2016; Das wohltemperierte Klavier II, Arthouse music 2021.

Kei Shirai è nato a Trinidad Tobago, ha studiato presso la Tokyo University of the Arts per poi proseguire presso la Universität für Musik und darstellende Kunst a Vienna. Si è perfezionato tra gli altri con Tsugio Tokunaga, Yasuko Otani, Chikashi Tanaka, Masafumi Hori, Miyoko Goldberg Sekine, Johannes Meissl. Secondo classificato alla Music Competition of Japan 2001, ha ottenuto il Premio Matsuzawa per “l’interpretazione più rimarchevole”. Nel 2009 ha vinto il premio del pubblico alla ARD International Music Competition, dove si è classificato secondo. Nel 2015 vince il primo premio alla Joseph Haydn Chamber Music Competition, nonché il premio del pubblico. Suona come solista con i Wiener Philharmoniker, la Czech Philharmonic Orchestra ed altre importanti formazioni. Fino a marzo 2013 è stato Concert Master dell’Ensemble di musica da camera di Kobe, mentre da aprile 2020 a marzo 2023 è stato Guest Concert Master dell’Orchestra sinfonica della NHK. È direttore della Chikashi Tanaka Revolution Ensemble e fa parte dello Stefan Zweig Trio、del Trio Accord、del Ludwig Chamber Players Stuttgart. Dal 2023 presiede la Kugenuma Music Academy.

 

L’evento rientra nelle iniziative della XXIII edizione della Settimana della Lingua Italiana nel mondo. Organizzata dalla rete diplomatico-consolare e degli Istituti Italiani di Cultura in collaborazione con i nostri principali partner della promozione linguistica (MiC, MIM, MUR, CePeLL, Governo della Confederazione Elvetica, Accademia della Crusca, CGIE, Comunità Radiotelevisiva Italofona, Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani, RAI Italia e Società Dante Alighieri), la Settimana è divenuta nel tempo la più importante rassegna su scala globale dedicata alla nostra lingua. Sin dalla sua istituzione nel 2001, questo appuntamento ha ricevuto annualmente l’Alto Patronato da parte della Presidenza della Repubblica.

  • Organizzato da: Istituto Italiano di Cultura di Tokyo