Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

“Eterno ritorno” / eterna avanguardia. Conferenza di Fabio Benzi

デ・キリコ展KV0209

La conferenza fa parte delle iniziative organizzate in occasione della mostra Giorgio de Chirico: Metaphysical Journey, in programma al Tokyo Metropolitan Art Museum dal 27 aprile al 29 agosto 2024.
Fabio Benzi, grande esperto del pittore e curatore della mostra, parlerà della figura di de Chirico e della sua carriera artistica, preceduto da un’introduzione del professor Kanai Tadashi.
La conferenza ripercorre i temi principali dell’arte di Giorgio de Chirico, dai suoi esordi agli ultimi anni di attività, soffermandosi sulle tappe centrali della sua vita e dei suoi innumerevoli rapporti con gli artisti del tempo. Riassumendo il percorso anche tematico che emerge dalla mostra, si cercherà di dare un breve ma concreto profilo dell’artista: dall’influenza del filosofo Nietzsche alla creazione della nuova visione della Metafisica, dai rapporti con Picasso, Apollinaire, Breton, alla profonda interazione con i grandi movimenti artistici del suo tempo, come il Surrealismo.

L’incontro si svolge in italiano e giapponese con traduzione simultanea.

Informazioni
Mercoledì 24 aprile 2024, alle ore 18.30 (ingresso dalle ore 18.00)
Istituto Italiano di Cultura- Auditorium
Organizzatori: Istituto Italiano di Cultura Tokyo, Asahi Shimbun
Per prenotare cliccare QUI.
Per informazioni rivolgersi a Istituto Italiano di Cultura eventi.iictokyo@esteri.it
Attenzione! Sarà possibile entrare dopo l’inizio della conferenza solo fino alle 19:00.

 

Giorgio de Chirico (1888-1978)
Uno dei grandi maestri del XX secolo. La pittura metafisica (opere che esprimono un mondo surreale attraverso paesaggi enigmatici e nature morte) che de Chirico iniziò a produrre intorno al 1910 esercitarono una profonda influenza sugli artisti e sui movimenti artistici internazionali. Dividendo la carriera pittorica di de Chirico, che durò circa 70 anni, in alcune tematiche come Piazze d’Italia, Interni Metafisici e Manichini, questa mostra copre l’intera gamma della sua produzione artistica, dalle opere dei primi periodi a quelle degli ultimi. Sarà la prima grande mostra tenuta in Giappone in un decennio, nella quale il mondo creato da de Chirico sarà esplorato in modo approfondito.

Fabio Benzi è Professore ordinario di Storia dell’Arte Contemporanea all’Università “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara. Fa parte del comitato scientifico e del consiglio di amministrazione della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico e dell’Associazione Mario Sironi. Curatore di numerose mostre in Italia e all’estero. I suoi studi spaziano dall’arte rinascimentale al contemporaneo. Tra i suoi libri ricordiamo: Balla. Genio futurista (Milano 2007, Electa), Il Futurismo (Milano 2008, Motta-Sole 24 Ore), Arte in Italia tra le due Guerre (Torino 2013, Bollati Boringhieri), Giorgio de Chirico. La vita e l’opera (Milano 2018, La nave di Teseo). Ha scritto numerosi saggi sul simbolismo, sul futurismo, sui rapporti tra fascismo e arti figurative, sull’arte italiana ed europea dell’Ottocento e della prima metà del Novecento, sul Liberty e sul Déco italiano; ha prodotto lavori monografici su Balla, Sironi, de Chirico, Martini, Severini, Funi, Cagli, Chini, Carena, Cavalli, Pirandello, Michetti.

Kanai Tadashi è Professore presso la facoltà di lettere e filosofia dell’università Shinshu. In precedenza, ha lavorato come curatore per il Toyota Municipal Museum of Art. Tra i suoi lavori come curatore ricordiamo Arte povera (Toyota Municipal Museum of Art, 2005), Vanishing Points (NGMA – National Gallery of Modern Art, New Delhi, 2007), Aichi Triennale 2016 (co-curatore, varie sedi tra cui Aichi Prefectural Museum Of Art, 2016). Come scrittore, segnaliamo Zō o utsusu. Fukusei gijutsu jidai no chōkoku to shashin (Trans-figurations, AKAAKA, 2022), come co-autore Giorgio Morandi no tegami (Le lettere di Giorgio Morandi, Misuzu Shobo, 2011), come traduttore Art since 1900 (Tokyo Shobo, 2019).
È stato visiting professor all’università Cà Foscari di Venezia nell’anno accademico 2017-18.

  • Organizzato da: Istituto Italiano di Cultura, Asahi Shimbun